Nell’era dei selfie e dell’autoreferenzialità da like4like, follow4follow e swallow4follow, noi altri dei [dK] abbiamo deciso di fare il salto di qualità definitivo e di auto intervistarci, direttamente, per presentare i nostri progetti.
Tanto, riviste come Rolling Stones, o NME, che avrebbero in effetti la potenzialità, per amplificare i nostri messaggi, non hanno la lungimiranza e la visione di intervistare i [dK] quindi, tanto vale che facciamo da noi.

Domanda (D)
perché avete deciso di realizzare e rilasciare del nuovo materiale?

Risposta (R)
non vorremmo, ma accade >
è qualcosa di patologico, tipo l’alcolismo, fumare crack o qualsiasi altra dipendenza >
abbiamo cercato di smettere, sappiamo che non serve a nessuno, non serve al nostro pubblico, non serve al nostro non-pubblico, non serve a noi stessi >
però lo facciamo >
non c’è una prospettiva di utilità o di convenienza in tutto questo >
accade

D
anche se non riuscite ad astenervi dal realizzare musica, potreste sempre tenervela per voi, cosa vi spinge a manifestarla agli altri?

R
in effetti questo è un punto controverso >
non lo so >
forse è una forma di egocentrismo >
se vivessi su un’isola deserta non concepirei neanche l’idea di scrivere una canzone, l’atto di scrivere una canzone non esisterebbe senza una prospettiva di condivisione >
nello scrivere canzoni e nel creare musica c’è una componente di dono verso gli altri, c’è l’ambizione di voler fare una piccola differenza nella vita delle persone

D
dunque si tratta proprio di egocentrismo: non ti viene il dubbio che il tuo così detto dono sia qualcosa di cui gli altri non hanno bisogno?

R
si >
ed è più di un dubbio: a livello razionale è una certezza, tuttavia a livello emotivo è qualcosa che tendo ad ignorare, o quanto meno a sottovalutare, perché altrimenti smetterei di fare musica

D
quindi, se ho capito bene, da una parte vorreste smettere di suonare, ma dall’altra mentite a voi stessi pur di procurarvi gli stimoli che servono per continuare a fare musica

R
è esattamente così

D
molto bene, delineato il contesto, adesso parliamo di questo materiale nuovo

R
qualche tempo fa scrissi una specie di romanzo breve, un esperimento, l’ho fatto con l’intenzione precisa di farci una colonna sonora >
in realtà è un romanzo scritto per essere trasposto in un film: in questo senso parliamo di colonna sonora >
più specificatamente, il nuovo disco dei [dK] è completamente ispirato ad una storia e ai protagonisti di quella storia

D
quindi si tratta di un concept?

R
qualcosa di più: i protagonisti della mia storia sono tre musicisti, che vivono in un futuro prossimo, e le loro canzoni, concretamente, costituiscono il nuovo disco dei [dK]

D
voi tre proiettati nel futuro quindi?

R
no i tre protagonisti della storia non hanno nulla a che vedere con noi tre, nel senso che sono molto più fighi, o quanto meno più interessanti

D.
parlami di loro

R.
allora questi tre individui sono i componenti di quello che nel mio immaginario di musicista dovrebbe essere un supergruppo >
un super gruppo deve esistere nel futuro, un futuro non lontano, ipotizziamo tra 20 anni >
un super gruppo dev’essere composto da giovani adulti, ipotizziamo tre, di circa 25 anni >
i componenti di questo super gruppo devono essere piuttosto diversi tra loro, ma devono avere un legame forte: qualcosa di apparentemente labile e inspiegabile, ma che in realtà agisce a livello molecolare, a livello di sistema >
uno di loro deve essere dotato di sensibilità estrema e umanità profonda, magari una donna >
un altro deve essere assurdamente egocentrico, carismatico, grottesco, inquieto >
l’altro ancora dev’essere un genialoide, uno capace di avere grandi visioni, un maniaco del controllo >
evidentemente si deve trattare di tre artisti, di tre persone complicate, di tre persone in qualche modo danneggiate

D.
quindi, in termini pratici, avete finto di essere altre persone per realizzare questo disco?

R.
si invecchiando si fatica sempre di più a parlare si sé, in particolare se il rapporto con l’umanità non è buono, quindi estraniarsi e interpretare qualcun altro è qualcosa che ti toglie vincoli e che ti dà stimoli

D.
e il sound, è un sound futurista dal momento che parliamo di futuro?

R.
no non credo che tra 20 anni la tecnologia potrà dare ulteriori svolte al modo di fare musica >
già oggi molti musicisti evitano deliberatamente l’utilizzo di certa tecnologia perché ritenuta distorsiva di un naturale processo creativo >
riguardo al suono del futuro o al suono del passato, ritengo che queste siano abbastanza delle stronzate, specialmente oggi, e specialmente domani >
aveva senso parlare di queste cose all’epoca dei Krafwerk, in un momento in cui una novità tecnologia o metodologica poteva realmente incidere sui processi creativi e realizzativi >
quello che ho immaginato io, in particolare immedesimandomi in tre ragazzi quasi adulti in un’era pre-collassemento dei sistemi, è che il modo di esprimersi sarà molto più essenziale, senza congetture e senza ridondanze: testi minimali, sinceri e diretti, pochi suoni ma buoni, beat incisivi e riff fulminati

D.
in questo futuro che immagini la musica tornerà ad essere importante per le persone, vale a dire qualcosa al di là dell’intrattenimento, sei ottimista in questo senso?

R.
sicuramente ho immaginato un futuro in cui la musica tornerà ad essere importante per le persone, proprio per avere il piacere di creare musica importante per un’audience che oggi non esiste >
senza questa specie di invenzione narrativa non avrei scritto delle canzoni nuove, neanche immaginando di essere qualcun altro

D
voi stessi avete definito il vostro penultimo disco, Method and Hate, un kolossal; spiegaci oggi cosa intendevate e, invece, come potreste definire il disco appena uscito

R
Kolossal vuol dire che è molto serio, ambizioso, elaborato e poco rassicurante >
Milliseconds in Between invece è un disco cinematografico, relativamente elettronico, fatto di canzoni semplici ma incisive, ed è sentimentale, in fondo l’hanno realizzato dei ragazzi di 25 anni

D
parlami del profilo artistico del disco, insomma cosa avete fatto e cosa volete esprimere

R
il supergruppo si chiama Milliseconds in Between, il romanzo si chiama Millliseconds in Between e il disco si chiama Milliseconds in Between >
ora, avremmo potuto fare i brillanti e pubblicare questo disco come se fossimo i Milliseconds in Between, costruendo delle identità virtuali, ma era troppo casino, e in ogni caso questo disco rimane un disco dei [dK] >
inventare un gruppo virtuale che suona come i [dK] non avrebbe avuto molto senso

D
quindi tutto sto giro per arrivare a dire che si tratta del solito disco dei [dK]?

R
è un disco dei [dK] ma non si tratta del solito disco dei [dK] perché, come dicevo prima, il fatto di essermi trasfigurato in qualcuno molto diverso da me e che vive in un contesto molto diverso dal mio mi ha indotto a fare le cose in modo diverso, con un’ispirazione diversa, con altri vincoli e altre viste >
considera che le canzoni le ha scritte Dana, la ragazza >

R
ecco, appunto, parlami di questa ragazza

D
Dana non ha più i genitori e ha seri problemi di salute, usa la creazione artistica come terapia di sopravvivenza >
Dana è molto generosa verso le persone a cui è affezionata e vive i sentimententi in modalità costantemente amplificata, come avere il loudness dello stereo sempre su On >
conosce molto bene gli altri due ragazzi e quindi scrive anche dal loro punto di vista >
questo passaggio è importante: attraverso la sua generosità emotiva riesce a diventare l’amplificatore dei suoi compagni, che altrimenti sarebbero degli individui relativamente disadattati e poco comunicativi >
Debian, cantante e frontman della band, talmente salutista, palestrato, metrosexual e competitivo a tal punto da diventare un sociopatico >
Ghee, individuo estremamente intelligente, talentuoso e capace da far diventare il suo saper fare un’ossessione spinta all’estremo verso l’ottimizzazione ed il controllo di tutti gli scenari possibili >
insomma questi tre ragazzi, ognuno a proprio modo, vivono delle profonde psicosi nella quotidianità di uno scenario “pre-collassamento dei sistemi”, in cui la quasi totalità della popolazione è in uno stato di severa dipendenza da farmaci, il sistema economico è dominato dall’industria farmaceutica, e la principale dinamica occupazionale è l’assistenza sanitaria dei più giovani verso i più anziani, che sono i detentori del reddito residuo

D
per un attimo ho pensato che potesse essere un disco meno oscuro dei precedenti, ma è stato solo un attimo

R
in realtà è un disco più vitale dei precedenti, perché gli autori sono comunque dei giovani, che si adattano anche agli scenari più difficili e che hanno uno slancio naturale verso il riscatto, e anzi la creazione artistica ha bisogno di uno stato di crisi per svilupparsi totalmente >
sicuramente è un disco più immediato, più semplice e più sentimentale >
è un disco che ha molta dinamica, ci sono momenti molto veloci con melodie e ritmi incisivi, e momenti più sfumati ed atmosferici, un po’ come una colonna sonora, appunto

D
spiegami più concretamente come sono le canzoni

R
sono dei flash che Dana lancia sui suoi stati d’animo, ma anche sugli stati d’animo di Debian e Ghee perché, come ho detto prima, lei riesce ad assorbire le esperienze e le sensibilità di tutti e le esprime in versi e melodie minimali, questo è il processo creativo di Dana >
ad esempio la prima canzone che abbiamo proposto ha come protagonista Debian, il cantante e performer, ed esprime la sua euforia durante un’esibizione nel locale di culto della loro città, un’euforia immaginata, perché i Milliseconds in quel locale non ci hanno ancora suonato e magari non ci suoneranno mai >
la canzone si intitola Control ed esprime la voglia irrefrenabile di una personalità egocentrica di dominare e conquistare il suo pubblico >
un’altra ha come protagonista Ghee, si intitola Lowering of All Complexities: Ghee, proprio per il fatto di avere la potenzialità di comprendere in profondità molte cose, non riesce a gestire il fatto non poter avere il controllo e la visione su tutte le cose >
questa frustrazione ed ansia latente lo portano ad andare in over, e la canzone esprime proprio questo suo moto mentale perpetuo, questo suo refresh continuo alla ricerca dell’informazione assoluta ed aggiornata al millisecondo; è un pezzo molto veloce con un ritornello che a un certo punto si apre e dice: dovrei dormire, dovrei calmarmi, dovrei rallentare il battito e raffreddare il sangue, l’abbassamento di ogni complessità

D
tutti i vostri dischi si chiudono con una canzone estremamente cupa, da Best Pain ad Electricity of Pain, fino ad Exposed to Pain (Untill the End): anche stavolta siete stati in grado di infilare la parola pain nel titolo del brano che chiude il disco?

R
il brano che chiuderà Milliseconds in Between si intitola One More Time Ghosts, e in effetti non è una canzone rassicurante, ma se vogliamo parlare di canzoni estremamente cupe, al di là del fatto di non contenere la parola pain, credo che la canzone giusta sia Not the Way Lovers Do: una delle canzoni più ineluttabilmente tristi che io sia mai riuscito a scrivere

D
avverto una certa fierezza in questa tua affermazione

R
si anche se la canzone l’ha scritta Dana, ovviamente, a proposito di un suo disagio >
bisognerebbe aver letto il romanzo per averne un’idea

D
prova a parlarmene lo stesso

R
il sentimento descritto dalla canzone nasce dal rapporto ambiguo che c’è tra Debian e Dana: non sono amanti, neanche nella fantasia, perché lei è troppo sofferente e lui è troppo preso da sé stesso, però sono legati in modo intrinseco, come se fossero uniti all’origine da un matrice comune >
non hanno mai analizzato il loro rapporto, lo vivono e basta >
comunque, a un certo punto della storia Debian fa una cosa molto grave, che deluderebbe Dana irreversibilmente se lei lo venisse a sapere >
in realtà Dana non sa cos’ha fatto Debian, però avverte distintamente questa delusione >
da lì in poi il loro rapporto cambia e il legame si scioglie, sebbene la stessa Dana non capisca perché questo accada >
un verso della canzone dice >
è come se tu mi avessi tradita, ma non nel modo in si tradirebbero due amanti >
in realtà il tipo di tradimento è ancora più grave, questo è il punto >
la verità è che Debian e Dana sono fratelli cosmici, uniti dalla città in cui vivono, dagli anni in cui vivono, dalla musica che ascoltano e dalla musica che fanno insieme, e dalle sofferenze individuali che entrambi superano, semplicemente condividendole ed aiutandosi >
questo è il punto >
quando uno dei due tradisce irreversibilmente questo patto implicito, il legame si scioglie e la costruzione collassa >
traslando la vicenda a livello più ampio: ogni volta che che un essere umano tradisce il patto di fratellanza che ha con un altro essere umano, ogni volta che gli individui rinunciano alla potenzialità di vivere insieme e di vivere meglio insieme, di quanto vivrebbero semplicemente pensando a loro stessi, i legami si sciolgono e il sistema mondo collassa >
questo è il motivo per cui ritengo Not the Way Lovers Do una canzone estremamente triste, perché parla di questo tipo di tradimento, che in definitiva è alla base dell’imminente collassamento dei sistemi umani

D
voi siete considerati, assieme ai Tiamat, la band di Christian Rock più influente nello scenario attuale: non hai mai chiarito se la cosa ti lusinghi o ti infastidisca

R
non saprei, sicuramente mi lusinga l’accostamento coi Tiamat perché i Tiamat hanno regalato all’umanità canzoni patrimonio dell’Unesco >
più semplicemente, come ho già detto altre volte, noi siamo abbastanza dei grezzi, a volte bestemmiamo anche, però gesù cristo l’abbiamo capito meglio noi di molti altri

D
ci sono canzoni che considerate forti su cui volete puntare?

R
Control è la canzone che io preferisco in assoluto, per motivi che non riesco a definire: è atipica, carismatica, atmosferica, impressionante, senza paura; poi c’è il brano di apertura, Switch On, che è un pezzo incredibile a mio parere, anche Swith On mi piace molto >
Switch On è un brano scritto dal punto di vista di Ghee >
parla del momento in cui l’intelligenza umana accede ad un nuovo dominio di conoscenza, e descrive l’eccitazione misurata per un nuovo inizio, per qualcosa di nuovo che si accende – discontinuità, rivelazione, elementi sconosciuti, accendi, la mia mente percepisce un’espansione inattesa, nuovi recettori rimasti sino ad oggi dormienti, sono stati attivati, accendi

D
canzoni che ti piacciono di meno?

R
potrei fare il brillante e dirne una a caso per indurti a ritenere che sono uno che fa autocritica e che si mette in discussione, ma in realtà ti dico che sono tutte canzoni che me lo fanno venire estremamente duro >
To the Edge od a Millisecond, scritta dal punto di vista di Debian, un pezzo da mettere in macchina mentre stai percorrendo una strada panoramica, che dopo averti fatto superare un passo montagnoso declina bruscamente verso l’oceano >
un pezzo che parla di individualismo, di estraneamento al sistema, un pezzo del tipo “andate tutti affanculo, io mi chiamo fuori, fate voi che sapete” >
One More Time Ghosts, di cui parlavamo prima, un pezzo molto severo e d’atmosfera, che descrive uno dei tipici momenti di ansia di Dana – tu cerchi di non fare errori, ma gli errori comunque accadono, ti rendi conto che così le cose non possono continuare, ma le cose continuano ad andare nello stesso identico modo

R
molto bene, concludi pure dicendo quello che ritieni e chiudiamo l’intervista

D
ascoltate questo disco e fatevelo piacere, senza troppe stronzate – Peace, Love and Melancholia